DIRItalia è...

...un’associazione no profit che opera per dare la giusta visibilità e una corretta informazione su tutto ciò che riguarda il sistema DIR, dedicando anche il suo impegno a sostenere l’importanza dell’addestramento subacqueo e a far conoscere la GUE tra le comunità subacquee locali.

Affiliato GUE

 

 

 

UJ 202 ex Melpomene - UJ 208 ex Spingarda PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Sabato 12 Settembre 2009 10:04
Corvetta
Corvetta

Scheda Tecnica
Nome: UJ 202 ex Melpomene - UJ 208 ex Spingarda
Tipo: corvetta classe Gabbiano
Anno costruzione: 24.4.1944
Cantiere: C.R.D.A. Monfalcone (UJ202) / Breda - porto Marghera (UJ208)
Dimensioni: lunghezza 64,4 m larghezza 8,7 m
Dislocamento: 670 tsl
Motore: 2 diesel, 2 elettrici per nav. silenz. 2 eliche a 3 pale 3500 HP - 18 nodi
Armamento al momento del varo: 1 cannone 100/47, 3 mitragliere 20/70 aa, 4 mitragliere 20/65 aa, 8 lanciabombe a/s pirici, 2 scaricabombe a/s da 6 carrelli, 2 torpedini a/s a rimorchio

Note storiche
Catturate dai tedeschi rispettivamente il 10 e l'11 settembre 1943. Ii primo novembre 1944 ingaggiano una battaglia navale con i caccia britannici Avon Vale e Wheatland che ne causano l'affondamento.

L'immersione
La corvetta Nord è adagiata sul fondale in linea di navigazione ma con un assetto molto particolare; infatti, la parte poppiera, semi distrutta probabilmente dall'esplosione delle mine o dalle munizioni che trasportava, è completamente infangata nel sedimento ad 80 metri di profondità mentre la prua, visibilmente impennata, punta verso la superficie con la chiglia che stacca dal fondo di almeno 3 metri. All'estremità di prua, in coperta all'interno di un piccolo boccaporto rotondo, si notano alcuni vasi e bricchi in metallo e altri oggetti da mensa. Il cannone da 100 mm integro e puntato verso il dritto di destra, fa ipotizzare che l'equipaggio abbia invertito la rotta appena iniziato il combattimento per tentare la fuga verso il porto di Arbe.
Non si riconoscono le strutture della plancia e quelle di governo della nave, forse distrutta dal combattimento o più probabilmente, vista la natura poco resistente del materiale con cui era costruita, dalle reti a strascico. Infatti, proprio sulla fiancata di destra in corrispondenza di dove avrebbe dovuto esserci la sovrastruttura è rimasta incastrata una rete.
In perfette condizioni risulta invece il fumaiolo con la rete para bombe ancora visibile. A poppa del fumaiolo il ponte di coperta della nave sprofonda nel fango ed il riconoscimento delle strutture risultano più difficoltose; sono comunque state notati alcuni cannoncini AA da 20/70, una "flack a 4 canne, e almeno una mina ancora sul suo carrello di ancoraggio.
La corvetta Sud, invece, poggia su un fondale di 80 metri sul suo fianco destro completamente avvolta nella nuvola di fango.
La scarsa visibilità non consente di valutare le reali condizioni del relitto. Le uniche cose riconosciute sono state le numerose bombe di profondità presenti sulla slitta lanciabombe poppiera.
 
 
Joomla 1.5 Templates by JoomlaShine.com