DIRItalia è...

...un’associazione no profit che opera per dare la giusta visibilità e una corretta informazione su tutto ciò che riguarda il sistema DIR, dedicando anche il suo impegno a sostenere l’importanza dell’addestramento subacqueo e a far conoscere la GUE tra le comunità subacquee locali.

Affiliato GUE

 

 

 

La preparazione PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Domenica 06 Settembre 2009 14:55

Era Novembre quando, scambiando qualche email, Chris, mi invita a partecipare al progetto di esplorazione che si terrà a Febbraio in Yucatan, nel sistema carsico di Yax Chen. Oggi è il giorno prima della partenza e ancora non so se il bagaglio che ho spedito arriverà a destinazione in tempo utile... insomma comincia tutto come al solito, all’insegna della regola d’oro "Ultimo minuto".
L’arrivo a Cancun è intorno alle 20.00, fortunatamente con tutti i bagagli, scooter inclusi, e far passare tutto al check-in senza sovratassa per il peso è davvero un’impresa, soprattutto considerando che Tom Karch, il mio compagno di viaggio tedesco, spiega alle hostess che si tratta di un "Torpedo"...
Chris viene a prenderci col furgone di Danny Riordan, uno Chevrolet risalente agli anni 70, praticamente un pezzo da museo, che però ha tutto il necessaire del vero cave diver e soprattutto lo spazio che ci serve per stipare i nostri otto bagagli. Via veloci a dormire, che domani si da battaglia...
I due giorni successivi li impieghiamo per mettere a punto gli scooter, i pacchi batteria, verificare l’attrezzatura e a fare un paio di immersioni di warm-up assieme a Chris, JJ e David che sono arrivati il giorno prima. La prima visita al cenote d’ingresso a Yax Chen è davvero emozionante visto che non ho ancora la minima idea di cosa si tratti.
Si parcheggia in prossimità di Tulum in una proprietà molto carina e curata dove ci aspetta Rafael, una sorta di guardiano che controlla che nessuno sposti l’amaca. Si scaricano i furgoni, e trasportiamo l’attrezzatura attraverso la zona alberata fino ad arrivare sulla piattaforma di legno che è stata approntata per il progetto. Dopo qualche aggiustamento alla pesata degli scooter siamo in acqua tutti e cinque.
Attraversiamo il cenote e si entra in grotta; JJ filma Chris e David, che trasporta la macchina fotografica, mentre Tom ed io chiudiamo la squadra. E’ un susseguirsi di cenotes, grotta e zone cavern con luce a vista. Davvero uno spettacolo, più si procede e più diventa bello. E’ molto particolare, molto diverso dalla tipica grotta messicana, non ci sono formazioni come stalattiti o stalagmiti ma è davvero incalzante; assomiglia un po’ alle grotte della Florida e trasmette la sensazione di un sistema carsico enorme e tutto da esplorare; in effetti Ox-Bel Ha e Yax Chen sono due sistemi di proporzioni enormi che sono stati collegati relativamente di recente e che si estendono per circa 150km nella zona di Tulum.
Al ritorno è il turno di David, che spara una raffica impressionante di foto facendo sfoggio di tecnica fotografica da professionista, posizionando subacquei e luci con la stessa ricerca della perfezione che impiegherebbe un fotografo in uno studio fotografico all’asciutto. Ce la prendiamo molto comoda cercando di memorizzare la grotta e di avvantaggiarci della profondità bassissima per stare in acqua più tempo possibile.
Il giorno successivo invece optiamo per il sistema Ponderosa, molto conosciuto e abbastanza snobbato come cenote, ma va benissimo per sistemare definitivamente gli scooter e per filmare e fotografare l’aloclino che, dopo gli uragani degli ultimi mesi, si è spostato di qualche metro in alcune grotte. A dir il vero, ci spiega Chris, si è spostato più profondo in alcune grotte e meno profondo in altre, tanto che è difficile capire con quale "logica" si siano verificati questi cambiamenti.
In quest’immersione sono l’ultimo della fila e dopo il passaggio di quattro subacquei nell’aloclino, la visibilità è talmente scarsa che seguire la sagola è un’impresa. Per Tom e me l’aloclino è qualcosa a cui siamo relativamente poco abituati per cui ci vuole un po’ a prendere la mano ma alla fine funziona bene e l’immersione fila che è un piacere. I primi subacquei a passare con gli scooter disturbano i due strati d’acqua, quello d’acqua dolce e quello d’acqua salata, la turbolenza crea un effetto visivo per cui tutto è annebbiato; l’impressione in effetti è che gli scooter producano fumo sott’acqua... la soluzione è spostarsi in sezioni della grotta in cui l’aloclino non è ancora stato disturbato.
In serata c’è il primo briefing del progetto nel negozio di Chris e Danny, Zero Gravity, e abbiamo modo di incontrare tutta la squadra: Chris LeMaillot, Danny Riordan, Jarrod Jablonsky, David Rhea, Fred Devos, Per Thomsen, Alex Alvarez, Franco Attolini, Sam Meacham, Simon Richards, Tom Karch, Gianmario Rocca, Luca Maghelli, Lars, Sigurd ed io.

 

 
Joomla 1.5 Templates by JoomlaShine.com