DIRItalia è...

...un’associazione no profit che opera per dare la giusta visibilità e una corretta informazione su tutto ciò che riguarda il sistema DIR, dedicando anche il suo impegno a sostenere l’importanza dell’addestramento subacqueo e a far conoscere la GUE tra le comunità subacquee locali.

Affiliato GUE

 

 

 

Le bombole PDF Stampa E-mail
Martedì 12 Maggio 2009 14:31
Molti subacquei tecnici preferiscono bombole in acciaio di volume maggiore e con pressione di esercizio non elevate, quali quelle prodotte da costruttori come Pressed Steel e Faber. Queste bombole hanno generalmente pressioni d'esercizio di 200 bar.
Bombole di questo tipo non necessitano di ricariche ad alta pressione per assicurare una ragionevole scorta di gas. Ciò presenta numerosi vantaggi, tra i quali una migliore gestione delle ricariche di miscele Nitrox e Trimix effettuate con il sistema della pressioni parziali.
Le bombole in acciaio possono dare un assetto molto negativo al subacqueo, in particolare se associate a mute umide. I subacquei che fanno uso di questo tipo di bombole dovrebbero utilizzare sistemi aggiuntivi come una muta stagna per ovviare ad eventuali malfunzionamenti del compensatore di assetto.
La scelta delle bombole va fatta in funzione delle dimensioni della persona, del suo consumo respiratorio, dei consumi del compagno di immersione, dei profili e dell'ambiente d'immersione. Una scelta errata delle bombole peggiora la gestione dell'assetto comportando eventuali danni ambientali e rischi per il subacqueo. Scelte sbagliate, in considerazione anche della muta utilizzata e del sistema di gestione dell'assetto, possono anche risultare fatali.
Bombole in acciaio, se usate con una muta umida sottile, possono portare a discese incontrollabili. Per la maggior parte, bombole in acciaio da 15 o 16 litri , sono ottime per grotte o immersioni in acque fredde, dove protezioni termiche e mute stagne bilanciano la pesata negativa. Per immersioni più lunghe, o dove comunque si anticipa un notevole consumo di gas, scelta comune sono in genere quelle da 18 litri. Per la maggioranza delle persone che s'immergono in acque libere con muta umida, si consigliano invece bibo in alluminio da 12 litri (80 piedi cubi).
Il peso delle bombole, sia piene che vuote, dovrebbe essere calcolato, in modo tale che quando vuote non creino problemi d'assetto, andandosi a sommare ad una situazione già difficile di scarsità di gas. Infatti, episodi di condivisione dell'aria in caso d'emergenza, che comportino il consumo di tutta, o gran parte dell'aria dei sub, potrebbero portare a farli riemergere involontariamente, violando gli obblighi decompressivi. Bombole ad assetto positivo possono venire equilibrate con una normale cintura dei piombi o mettendo pesi dietro lo schienalino.
I sub che s'immergono in mare aperto devono, inoltre, tenere qualche forma di peso staccabile, come una cintura o un pacco batterie, ed essere in grado di risalire in superficie anche nel caso di rottura del sacco compensatore di assetto.
Prestate attenzione al modo in cui sono galvanizzate le bombole in acciaio. Alcuni produttori applicano una "galvanizzazione spray" sulle loro bombole. Questo procedimento non sempre assicura una buona protezione, lasciando una maggiore predisposizione all'insediamento della ruggine. Altri produttori, invece, le galvanizzano meglio, creando una protezione migliore e riducendo così significativamente il rischio di ruggine.
 
Joomla 1.5 Templates by JoomlaShine.com