DIRItalia è...

...un’associazione no profit che opera per dare la giusta visibilità e una corretta informazione su tutto ciò che riguarda il sistema DIR, dedicando anche il suo impegno a sostenere l’importanza dell’addestramento subacqueo e a far conoscere la GUE tra le comunità subacquee locali.

Affiliato GUE

 

 

 

Il manifold PDF Stampa E-mail
Martedì 12 Maggio 2009 13:49
Un manifold unisce la capacità di due bombole, permettendo al sub di respirare da entrambe contemporaneamente. Tutti i manifold recenti consentono il montaggio di due erogatori ridondanti sul bibo con la possibilità di chiuderne uno qualunque permettendo comunque l'accesso a entrambe le bombole. Il manifold evita che un guasto ad un erogatore limiti l'utilizzo di parte del gas respiratorio da parte del sub. La valvola che va sull'erogatore guasto, viene semplicemente chiusa, permettendo l'utilizzo di entrambe le bombole per mezzo del secondo erogatore. Se anche è vero che un guasto grave al manifold può creare una situazione difficile, questi problemi sono eventualità molto, molto rare, specialmente se si esegue la corretta manutenzione dell'attrezzatura.
I manifold sono il miglior modo per gestire la scorta di gas, perché consentono sempre l'accesso a entrambe le bombole e non richiedono una costosa gestione dei gas. E' una scelta perdente scambiare la probabilità molto bassa di un guasto al manifold con l'elevata possibilità di qualche casino nella gestione dei gas immergendosi con bibo indipendenti.
La maggior parte dei sub usa un isolatore sul manifold, che permette di pararsi dalla perdita di gas conseguente a un problema ad un O-ring o ad un disco della bombola. L'isolatore permette un'ulteriore protezione in un sistema di gestione dell'aria già di per se sicuro. Ultimamente, alcuni nuovi manifold sul mercato, utilizzano quattro valvole (due per lato) in un tentativo azzardato di dare maggiori garanzie. Tali progetti sono smodatamente più complicati e dovrebbero essere evitati.
 
Joomla 1.5 Templates by JoomlaShine.com